INCHIESTA “HIRAM” – Cassazione conferma sentenza assoluzione

L’ inchiesta Hiram : mafia e massoneria deviata per pilotare e insabbiare i processi in Cassazione. La sentenza d’Appello, che il 18 novembre 2013 ha assolto tutti gli imputati, è stata confermata dalla Cassazione. Dunque, scagionati definitivamente l’ imprenditore mazarese Michele Accomando, il ginecologo palermitano Renato Gioacchino De Gregorio, l’imprenditore agrigentino Calogero Licata, l’impiegato della Cassazione Guido Peparaio, e l’imprenditore Nicolò Sorrentino, marsalese originario di Realmonte. Il solo condannato è il presunto massone Rodolfo Grancini, originario di Orvieto, condannato in abbreviato il 6 maggio 2010 a 6 anni e 6 mesi di reclusione. Il 17 giugno 2008, il giorno del blitz “Hiram”, furono 8 gli arresti ad opera della Procura di Palermo e dei Carabinieri di tre province, Palermo, Agrigento e Trapani. I giudici della Cassazione hanno dichiarato inammissibile il ricorso presentato dal Procuratore Generale di Palermo, Rosa Valenti, contro l’assoluzione di tutti gli imputati nei primi due gradi di processo.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.