INCHIESTA “TERRA MIA” – Imputati rinviati a giudizio

Il giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Palermo ha rinviato a giudizio il funzionario dell’assessorato regionale Territorio e Ambiente, Gianfranco Cannova, e quattro imprenditori accusati di corruzione.Cannova avrebbe intascato mazzette in cambio di agevolazioni nella concessione di autorizzazioni per lo smaltimento dei rifiuti. Oltre a Cannova, risponderanno presente all’ appello del Tribunale il prossimo 15 gennaio Giuseppe Antonioli, amministratore delegato della discarica di Mazzarrà Sant’Andrea in provincia di Messina, Domenico Proto, titolare della stessa discarica, e i fratelli Calogero e Nicolò Sodano, proprietari della discarica Soambiente ad Agrigento.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.