JOPPOLO GIANCAXIO – Dissequestrato il castello Colonna della famiglia FirettoVD TG]


I giudici del tribunale del riesame di Agrigento, presieduto da Wilma Angela Mazzara, hanno disposto il dissequestro del Castello “Colonna” di Joppolo Giancaxio, struttura di proprietà della famiglia del sindaco Calogero Firetto, indagato per abusi edilizi insieme al fratello Mirko.

Il collegio ha sciolto la riserva al termine di una lunghissima udienza iniziata questa mattina e conclusa nel pomeriggio. Il pubblico ministero Antonella Pandolfi, che ipotizza la realizzazione di opere abusive sulla struttura, dove si celebrano matrimoni da tutta la provincia e non solo, aveva chiesto un termine per replicare ai difensori e il procedimento è stato sospeso per un paio di ore.

Gli avvocati Angelo Farruggia, Gaetano Caponnetto e Antonino Reina (il primo legale del sindaco, gli altri due del fratello) hanno sostenuto che le concessioni edilizie fossero state tutte regolarmente rilasciate e che le opere in questioni, essendo peraltro migliorative rispetto al bene (un vecchio castello abbandonato), fossero lecite.

Questo il commento del sindaco Firetto: “La giustizia fa il suo corso.Vicenda assai amara. Il collegio difensivo ha mandato di svolgere ogni utile iniziativa che consenta di giungere in tempi necessariamente rapidi, i più rapidi possibili, al chiarimento assoluto e definitivo”.

Nel porre le scuse per i disagi che sono derivati agli utenti della struttura, così commenta la famiglia Firetto e il sindaco: “Grande amarezza per quanto accaduto, con serenità abbiamo atteso gli sviluppi conservando il rispetto e la fiducia per l’autorità giudiziaria, anche inquirente. Ai nostri legali, in cui riponiamo la massima fiducia, il mandato di adoperarsi perchè la vicenda giunga presto al suo epilogo definitivo”.

 

 

 

Condividi
  • 16
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    16
    Shares
  • 16
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.