LAMPEDUSA – Parla il medico protagonista di “Fuocoammare”

Ne parla anche in Fuocoammare Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa tra i protagonisti del film di Gianfranco Rosi, Orso d’oro a Berlino 2016 e candidato per l’Italia agli Oscar. Centinaia di ispezioni fatte sui cadaveri martoriati dei migranti portati sull’isola. Solo che quegli esami richiesti di volta in volta da carabinieri, guardia di finanza, capitaneria di Porto non rientrano tra i suoi compiti di medico dell’Asp di Palermo. Tutto quel lavoro ininterrotto non gli è stato mai pagato. E Pietro Bartolo ha iniziato la sua personale guerra per avere riconosciuto il compenso. Ha presentato una nota all’Asp di Palermo dove si legge che lui ha eseguito 375 esami; la sua collega Pola 4. “Ho scritto alla procura di Agrigento, ai carabinieri, alla Capitaneria di Porto e a tutti gli enti che mi hanno incaricato di eseguire gli esami fatti in questi anni – dice Bartolo – Tutto quello che riuscirò ad ottenere sarà destinato ai migranti. I corpi erano i loro. Questi soldi andranno a loro. Io non terrò un euro”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.