LAMPEDUSA – Robot individua disperso Francesco Solina

Il “rov”, il robot della Guardia costiera di Messina, ha individuato il corpo del marinaio Francesco Solina, 51 anni, di Lampedusa (Ag), che risulta disperso dallo scorso 3 gennaio quando è naufragato il peschereccio Giacomo Maria su cui si trovava.

Il cadavere dell’uomo è incastrato nel peschereccio, che si trova ad una profondità di circa 63 metri, all’altezza del verricello. Le ricerche della Guardia costiera erano state sospese, negli scorsi giorni, a causa del mare molto mosso. Stamani è stata effettuata l’immersione del “rov”.

A quanto pare la Guardia costiera avrebbe già provato – ma senza riuscirvi – a disincagliare la salma con il braccio del robot. Sia la famiglia sia il sindaco delle Pelagie, Giusi Nicolini, sono stati già informati.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.