LAMPEDUSA – Sindacalista travolta e uccisa da un’auto pirata, annullata condanna

La Cassazione annulla con rinvio la condanna, per l’accusa di omicidio stradale, nei confronti di Andrea Saverio Sola, 26 anni, palermitano, arrestato il 31 agosto del 2019 a Lampedusa, qualche ora dopo avere travolto e ucciso con la sua auto Fulvia Morando, sindacalista quarantanovenne di Pinerolo, in provincia di Torino, che si trovava nell’isola per lavoro.

I giudici hanno accolto uno dei motivi del ricorso del difensore dell’imputato, l’avvocato Monica Malogioglio. La condanna a 4 anni decisa dalla Corte di appello (4 anni e 8 mesi in primo grado) sarà adesso oggetto di un nuovo processo di secondo grado dove si dovrà valutare la sussistenza eventuale di un’attenuante che potrebbe fare diminuire ulteriormente la pena. 

La Suprema Corte, infatti, ritiene che possa esserci stato un concorso di colpa da parte della vittima che, secondo quanto sostenuto dal legale di Sola, avrebbe camminato sul lato esterno del marciapiede in direzione opposta rispetto a quella della auto nella carreggiata.  

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *