LEGA-M5S è crisi di Governo

Ore di tensione altissima nel governo con la situazione che precipita e la Lega che apre la crisi e chiede di ricorrere alle urne. A sgombrare il campo da eventuali dubbi sull’apertura di una crisi di governo è Matteo Salvini che terminato un vertice di un’ora con il premier Conte dà la linea: «Andiamo subito in Parlamento per prendere atto che non c’è più una maggioranza, come evidente dal voto sulla Tav, e restituiamo velocemente la parola agli elettori».

E nella sua nota aggiunge: «L’ho ribadito oggi al Presidente Conte: andiamo subito in Parlamento per prendere atto che non c’è più una maggioranza, come evidente dal voto sulla Tav, e restituiamo velocemente la parola agli elettor». E chiarisce: «Inutile andare avanti a colpi di NO e di litigi, come nelle ultime settimane, gli Italiani hanno bisogno di certezze e di un governo che faccia, non di «Signor No. Non vogliamo poltrone o ministri in più, non vogliamo rimpasti o governi tecnici: dopo questo governo (che ha fatto tante cose buone) ci sono solo le elezioni».

La replica del vicepremier Di Maio è durissima: «Noi siamo pronti al voto, Lega ha preso in giro Paese, Della poltrona non ci interessa nulla e mai ci è interessato». E rilancia: Prima votiamo il taglio dei parlamentari. «C’è una riforma a settembre, fondamentale, che riguarda il taglio definitivo di 345 parlamentari. E’ una riforma epocale, tagliamo 345 poltrone e mandiamo a casa 345 vecchi politicanti. Se riapriamo le Camere per la parlamentarizzazione, a questo punto cogliamo l’opportunità di anticipare anche il voto di questa riforma, votiamola subito e poi ridiamo la parola agli italiani. Il mio è un appello a tutte le forze politiche in Parlamento: votiamo il taglio di 345 poltrone e poi voto».

Ma in serata Salvini a Pescara per una tappa del suo tour elettorale d’estate nelle spiagge d’Italia ha parlato già da candiato premier: «Noi guardiamo avanti e chiediamo agli italiani la forza di prendere in mano questo Paese e salvarlo, riportarlo dove i nostri nonni lo avevano lasciato». «Dimostreremo se ci date la forza di farlo che si possono tagliare le tasse ai lavoratori italiani», ha detto Matteo Salvini dal palco di Pescara dove ha fatto il consueto bagno di folla. «Chiedo agli italiani se vogliono 
darmi pieni poteri per fare le cose come vanno fatte» ha ribadito poi ai giornalisti.

Anche Conte ha parlato dopo l’incontro con il vicepremier e in un comunicato di Palazzo Chigi ha detto che vuole portare in Parlamento il governo o quello che ne resta. «Spetterà a Salvini, nella sua veste di senatore, spiegare al Paese e giustificare agli elettori che hanno creduto nella prospettiva del cambiamento le ragioni che lo portano a interrompono bruscamente l’azione di governo». E in pratica sfida Salvini: «Questo non è un governo da spiaggia» dice il professore mentre sembra concludersi la sua esperienza da presidente del Consiglio, ma vuole che siano le Camere (Salvini non basta) a sfiduciarlo, e svela che se il leader della Lega ha deciso di interrompere l’esperienza gialloverde è solo perché vuole «capitalizzare il suo consenso». 

Condividi
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.