LEGA PRO – Ancora una vittoria per l’Akragas (1-0) a Catanzaro: con Rigoli 3 su 3

Tre su tre. L’Akragas non si ferma più e dopo i successi di Monopoli e quello casalingo contro il Cosenza, sbanca anche il campo del Catanzaro con un gol al quarto d’ora della ripresa di Di Grazia che ha concluso un bellissimo contropiede raccogliendo un assist di Zibert.

Un’Akragas rinata, che sembra avere dimenticato del tutto l’esperienza Legrottaglie e che ora, con Pino Rigoli in panchina, diventa una vera e propria mina vagante del campionato.

L’Akragas come al solito non ha concretizzato almeno tre o quattro nitidissime palle gol, ha rischiato di passare in svantaggio ed è stata tenuta a galla da un superlativo Vono, il portiere che Legrottaglie aveva incredibilmente bocciato e che Rigoli ha invece rilanciato.

I biancazzurri hanno imbrigliato i calabresi e hanno sofferto di fatto solo sulla fascia sinistra dove Squillace ha messo in mezzo decine di palloni con Salandria, adattato al ruolo di esterno basso, che ha avuto grosse difficoltà ad arginareil 3 giallorosso.

A questo punto non c’è più dubbio: non era una questione di rosa ma era solo e soltanto una questione di allenatore: mai come in questo caso il cambio di guida tecnica è stato salutare.

In classifica, e nonostante i tre punti di penalizzazione per la vicenda Dirty Soccer, con l’Akragas punita per responsabilità oggetiva, i biancazzurri sono fuori dalla zona play out.

Domenica prossima all’Esseneto ci sarà il match salvezza contro l’Ischia, che ha appena battuto il Catania.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.