LEGA PRO – Conferma dei 3 punti di penalizzazione per l’Akragas

Niente tre punti: per l’Akragas la penalizzazione rimane invariata nell’ambito dell’inchiesta Dirty Soccer, dal nome dell’omonimo blitz che ha smantellato una rete criminale dedita a truccare molte sfide tra Lega Pro e Serie D.
Tra gli arrestati di allora, anche Sasà Astarita, ex difensore dell’Akragas il quale ha truccato una sfida a sfavore dei biancazzurri all’epoca allenati da Feola; un fallo di mano inopportuno ed inutile, che ha lasciato in 10 gli agrigentini falsando l’andamento del match.
Ma per responsabilità oggettiva, l’Akragas deve pagare pegno; oltre ai tre punti, per i biancazzurri è stata confermata l’ammenda di 4.500 Euro.
Il legale del club, l’avvocato Enzo Caponetto dichiara: “Aspettiamo le motivazioni che sono attese per il 30 marzo, poi a mio parere bisogna riproporre le nostre tesi al Collegio di garanzia del Coni, ultimo grado della giustizia sportiva. E’ davvero sorprendente che non sia stata presa in considerazione neppure l’ipotesi di una riduzione della penalizzazione. Astarita ha agito da solo”: Intanto, la squadra tornerà in campo lunedi per il posticipo con la Lupa Castelli Romani, Rigoli conta di recuperare Dyulgerov”

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.