LICATA – Blitz “Halycon”, le telefonate con l’onorevole Carmelo Pullara

Si aggiungono nuovi passaggi investigativi sulla figura del deputato regionale Carmelo Pullara. Il mese scorso, in un occasione dell’arresto di alcuni boss agrigentini, i carabinieri avevano definito “sconcertante” il contenuto di una telefonata fra Angelo Occhipinti, considerato il capomafia di Licata, Raimondo Semprevivo e Angelo Graci. Mentre discutevano saltò fuori il nome di Pullara, presidente del gruppo parlamentare Popolari e autonomisti all’Assemblea regionale siciliana. Dopo la pubblicazione della telefonata Pullara si era dimesso dalla commissione regionale antimafia.

Occhipinti confessava di avere goduto “della compiacente disponibilità dell’onorevole Pullara”. Ecco la trascrizione: “Per me buono Pullara è… eh… che la gente che vuole mangiare buoni sono … almeno sai che se ci vai per una cosa… dipende lui come è attaccato… prende e te lo fa… se ti dico una cosa io non dovete insistere… quando non mi interessano le cose che non mi interessano non le tratto… Pullara le fa… C’è stata una cosa… senza che ci sono andato… gli ho detto che si deve mettere da parte e si è messo da parte… Angiolè che minchia ti devo dire tutte cose uno? Pullara è buono. Perché è mangiataro vuole mangiare con sette forchette”.

Nel blitz di oggi emergono nuovi particolari. Il boss Giovanni Lauria per trovare un lavoro al figlio si rivolse all’onorevole, iscritto pure lui alla loggia massonica “Arnaldo da Brescia” di Licata il cui maestro venerabile è proprio Vito Lauria. “Carmelo… Carmelo sta cercando di sistemare una cosa … di Vito.. per renderla… o definitiva o quasi”, diceva Lauria senior. Nel 2017 il contratto di Lauria senior presso una società privata è passato da determinato a indeterminato.

La voce di Pullara è stata intercettata il mese scorso mentre chiamava Angelo Lauria, pure lui fermato oggi con l’accusa di essere un uomo d’onore riservato, componente del collegio dei probiviri della Banca Popolare Sant’Angelo di Licata. Bisognava dare una mano all’“amico nostro”.  “La Banca Sant’Angelo sembrerebbe che il centralinista cieco che c’era in servizio – diceva Pullara – sta andando o è andato in pensione. Noi abbiamo un ragazzo che è iscritto nelle liste di disoccupazione … tra l’altro licatese, picciotto per bene… amico nostro …pulitissmi”.

Il 21 giugno 2019 Lauria contattava nuovamente Pullara richiedendo un intervento per la moglie: “Carmeluccio scusami… ti avevo chiamato per una cortesia… Carmè…siccome sento mia moglie e la sento un pochino giù sicuramente la in ufficio le fanno… tu la consigli sempre per il meglio…”. Immediate le rassicurazioni: “…. se ne deve venire al Comune…che ci sta meglio di tutti…deve ascoltare a me…deve ascoltare a me…stai tranquillo”.

“Ancora una volta, amaramente, constato di correre il rischio di finire nel tritacarne mediatico, pur non essendo in alcun modo coinvolto in una vicenda di cui non conosco nemmeno i contorni”. Ad affermarlo è l’onorevole Carmelo Pullara, capogruppo di Autonomisti e Popolari all’Ars. “Mi riferisco – aggiunge – all’operazione “Halycon”. Premetto di non essere massone e pertanto di non essere iscritto a nessuna loggia massonica. Vengo tirato in ballo da altri, pur non avendo alcuna contezza della vicenda in questione. Se questo è il prezzo da pagare per essere un uomo pubblico, comincio a pensare che sia un prezzo troppo alto”.

“Rilevo inoltre – aggiunge l’onorevole Pullara – che i dialoghi in cui si farebbe riferimento alla mia persona, risultano essere del luglio 2016, un periodo lontanissimo dalle elezioni regionali, che si sono tenute nel novembre del 2017, quando sono stato eletto all’Ars. E nessun incarico pubblico ed elettivo rivestivo in quel periodo”.

“Ribadisco – conclude il deputato regionale – di essere assolutamente sereno, considerata la mia totale estraneità alla vicenda in questione, e fiducioso nell’operato della magistratura. Ribadisco l’assoluto rispetto delle istituzioni, tanto da essermi già in precedenza autosospeso da componente della Commissione Regionale Antimafia”.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.