LICATA – Donna morta per asfissia: condannato nipote

Il Tribunale di Agrigento in composizione monocratica ha condannato Andrea Sanfilippo e Ignazio Callea, entrambi di Licata,  rispettivamente a 2 anni e 10 mesi di reclusione e a 2 anni e 4 mesi di reclusione per incendio doloso e omicidio colposo. I fatti contestati risalivano al 30 agosto 2009, quando i due lanciarono un bottiglia molotov contro l’auto dello zio Angelo Sanfilippo. La vettura si incendiò e il fumo causò la morte per asfissia di Alessandra Di Simone, 81 anni, nonna del Sanfilippo, che dormiva in casa sua.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.