LICATA – Hanno massacrato di botte due extracomunitari: arrestati 4 minorenni

Quattro minorenni licatesi, accusati di avere picchiato selvaggiamente due cittadini extracomunitari, sono stati arrestati dagli agenti del commissariato di polizia, coordinati dal dirigente Sonia Zicari, in esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare e collocamento in comunità firmate dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Agrigento.

“Nello scorso mese di febbraio – scrive la Questura di Agrigento – i quattro minorenni, in concorso tra loro, nonché con altro soggetto non ancora identificato, avevano aggredito con ingiustificata ferocia due cittadini extracomunitari, rispettivamente di nazionalità egiziana e tunisina, colpendoli con calci e pugni e l’utilizzo di un coltello e un casco, con le aggravanti di avere commesso il fatto in più persone riunite”.

“Inoltre per avere, in concorso tra loro, portato fuori dalla propria abitazione senza giustificato motivo due coltelli. I quattro minori, due ragazzi e due ragazze, cagionavano alle loro vittime – aggiunge la Questura – gravi ferite per le quali si rendeva necessario il loro ricovero presso il locale nosocomio. A causa delle gravissime ferite riportate da uno dei due malcapitati presi di mira dal “branco”, per ragioni apparentemente futili, i sanitari si adoperavano con estrema celerità per salvargli la vita, sottoponendolo a più interventi chirurgici”.

“Dei quattro minori arrestati, dopo le formalità di rito, così come disposto dall’autorità giudiziaria competente, due sono stati tradotti – conclude la Questura – presso l’istituto Minorile “Malaspina” di Palermo mentre gli altri due per i quali è stata disposta la misura del collocamento in Comunità, sono stati collocati presso una struttura individuata dalla Direzione dei Centri per la Giustizia Minorili”.

Condividi
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    8
    Shares
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.