LICATA – Incidente ss 115, lutto cittadino: la Procura della Repubblica apre un’inchiesta

Oggi è lutto cittadino a Licata per Angelo Bonvissuto, 30 anni, e Alessandro Famà, 23 anni, deceduti giovedì pomeriggio nell’incidente stradale di Torre di Gaffe.
Il commissario straordinario del Comune di Licata, Maria Grazia Brandara, così come aveva fatto il 18 febbraio scorso per i fidanzati Paolo Todaro e Sara Cammilleri morti nell’incidente di Poggio di Guardia, anche per il giorno dei funerali di Angelo e Alessandro, ha ordinato il lutto cittadino. Tutti gli edifici pubblici esporranno le bandiere a mezz’asta.
Ed in città regna la commozione e la rabbia per un dato da “pelle d’oca”: in poco più di un mese quattro licatesi hanno perso la vita a causa di gravissimi sinistri che si sono registrati sulla Ss 115, nel tratto che da Gela, passando per Licata, porta a Palma di Montechiaro. Nei prossimi giorni sono previsti incontri e manifestazioni per chiedere agli organi competenti e ad Anas interventi di messa in sicurezza per migliorare il tracciato.
Intanto la Procura della Repubblica di Agrigento ha aperto un’inchiesta per l’incidente di Torre di Gaffe, affidando le indagini ai carabinieri della Compagnia di Agrigento, per stabilire le responsabilità del sinistro, che hanno provocato due morti e nove feriti.
Dei feriti una donna di Palma di Montechiaro, è in gravi condizioni. Anche il conducente del pick-up è in prognosi riservata. Ma entrambi ce la faranno.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.