LICATA – Pazienti della “comunità degli orrori” affidati ad altre cooperative

La Procura della Repubblica di Agrigento, a seguito degli abominevoli risvolti emersi dalle indagini che hanno provocato il sequestro della Casa di cura gestita dalla cooperativa Suami a Licata, ha affidato i pazienti, già ospiti della cooperativa incriminata, alle cooperative Arcobaleno e Il libero gabbiano a Licata, riconoscendone la serietà professionale ed il costante lavoro svolto in ambito sociale. Linda Modica, operatore sociale molto apprezzata a Licata, è stata incaricata, come consulente esperto, a svolgere le necessarie funzioni di coordinamento.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.