LICATA – “Sequestrano e torturano disabili”, i video pubblicati su facebook: 3 giovani fermati [VIDEO]

Tortura e sequestro di persona. Queste le accuse più gravi ipotizzate nei confronti di tre uomini licatesi considerati responsabili di minacce, violenze e sevizie sadiche ai danni di malcapitati. I fatti si sono svolti a Licata e sono stati ripresi con i cellulari in alcuni video che condivisi su diverse piattaforme di social network hanno consentito ai Carabinieri della locale Compagnia di avviare le indagini attribuendo precise e puntuali responsabilità ai singoli appartenenti al “branco” che si divertiva a colpire e vessare soggetti deboli e di minorata difesa. Come emerge anche dai video, si denota una cattiveria ingiustificata ed una cultura senza dubbio sbagliata di considerare l’altro meno forte, uno scarto da colpire e da ridicolizzare fino al punto di divenire oggetto di comportamenti disumani e degradanti al solo fine di ottenere qualche like in più. I provvedimenti di fermo, decisi dalla procura di Agrigento, sono stati eseguiti nella notte e sono stati accompagnati da diverse perquisizioni finalizzate a proseguire le indagini per risalire all’identificazione dell’intero gruppo e all’acquisizione di ulteriori elementi probatori. I militari operanti hanno appurato che una delle vittime in pieno giorno ed in pieno centro è stato deriso, legato, tipo “imballaggio”, con del nastro adesivo e lasciato sul marciapiedi nell’indifferenza collettiva. Le vittime, peraltro, puntualmente venivano minacciate a rimanere in silenzio e a non rivolgersi alle Forze dell’Ordine. I tre uomini, A.C. classe 1994, G.S. classe 1997 e A.M.S. classe 1984, sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Agrigento dove rimarranno a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.