LICATA – Sparò a un suo dipendente: patteggia la pena di 1 anno e 8 mesi

Nel luglio dello scorso anno ferì, a colpi di pistola, un suo dipendente al termine di una furibonda lite. Ieri, dinanzi al Gup del Tribunale di Agrigento Alberto Davico, ha patteggiato la pena di 1 anno e 8 mesi di reclusione. Si tratta di Angelo Antonio Cannizzario Giganti, 41 anni, di Licata. Il fatto si verificò all’interno di uno stabilimento balneare di Miollarella di cui l’imputato era titolare. Giganti Cannizzaro esplose alcuni colpi di pistola contro Giovanni Saporito, 42 anni, bagnino, anch’egli licatese, ferendolo a una gamba. La lite scaturì da motivi di lavoro. Cannizzaro fu arrestato per tentato omicidio, detenzione, porto illegale di arma e spari in luogo pubblico. Successivamente il reato più grave venne derubricato in lesioni gravi. Cannizzaro Giganti ha risarcito Saporito per i danni causatigli.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.