LICATA – Tangente per la festa del patrono, la Procura si appella contro l’assoluzione del sindaco

Il sostituto procuratore generale di Palermo, Ettore Costanzo, ha depositato l’appello contro l’assoluzione di Angelo Graci, sindaco di Licata, dell’ex assessore ai Servizi Sociali Tiziana Zirafi, dell’ex vice presidente del Consiglio comunale Nicolò Riccobene e dell’impresario di spettacoli Carmelo Napolitano. Graci, che per mesi fu sottoposto al divieto di dimora a Licata, venne assolto, assieme agli altri tre imputati, dal tribunale di Agrigento dall’accusa d’aver intascato una tangente in cambio dell’assegnazione di un appalto per uno spettacolo musicale realizzato in occasione della festa di Sant’Angelo, il patrono di Licata.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.