LICATA – Tenta di sfuggire alla cattura nascondendosi sul tetto di un palazzo

Ha cercato di sfuggire all’arresto correndo sul tetto di una palazzina ma è stato individuato e bloccato, tra i recipienti dell’acqua, dove si era nascosto. Protagonista del rocambolesco episodio è un sorvegliato
speciale della pubblica sicurezza, Giuseppe Carità, 30 anni, di Licata, arrestato e ristretto ai domiciliari  dagli agenti del locale Commissariato di Polizia, che hanno dato seguito ad un ordine di carcerazione, emesso alcune settimane fa dal Gip del Tribunale di Agrigento. li giovane era ricercato da tempo
perché aveva violato il provvedimento della sorveglianza speciale. Tutto nasce da un controllo effettuato nella sua dimora, e da quella verifica, carabinieri e polizia, hanno appurato, che senza giustificato motivo, nonché senza alcuna comunicazione alle autorità competenti, il trentenne si era allontanato dal territorio comunale di Licata. Le ultime notizie lo davano trasferito all’estero. Dopo mesi, alcuni giorni fa attraverso alcune indagini i poliziotti licatesi, hanno appreso che il ricercato con molta probabilità aveva fatto ritorno in paese per trascorrere le ferie estive. Da qui in avanti sono state fatte alcune investigazioni, finché è arrivata la conferma della presenza dell’uomo in città. Alcuni giorni fa gli agenti si sono presentati in casa di Carità, per notificargli l’ordine di arresto. Forse perché si sarebbe accorto dalla
finestra dell’arrivo della Polizia, il giovane si è precipitato sulle scale, raggiungendo il tetto dell’edificio per sfuggire alla cattura. Lì è rimasto. Poco più tardi gli agenti lo hanno rintracciato sulla
copertura della palazzina, nascosto rannicchiato tra le vasche dell’acqua.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.