Lotta ai furti d’acqua nell’agrigentino: 3 arresti

A Licata in un appezzamento di terreno i Carabinieri hanno scoperto un ampio e capiente invaso idrico, alimentato da una tubazione lunga circa 2 chilometri, agganciata ad un pozzetto dell’acqua pubblica. Due agricoltori licatesi, entrambi di 40 anni, ritenuti responsabili di prelievo fraudolento d’acqua e quindi di furto aggravato, sono stati arrestati ai domiciliari. Tubatura e invaso sono stati sequestrati. E poi a Montallegro i Carabinieri hanno arrestato ai domiciliari un pensionato di 70 anni che ha allacciato abusivamente alla condotta idrica pubblica la sua abitazione estiva. Tali controlli proseguiranno in modo costante, per tutta la stagione estiva, ad opera della rete capillare delle Stazioni dei Carabinieri, dislocate in ogni paese della provincia.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.