MAFIA – “Spuntano” telefonate fra Salemi e Messina

Il boss Gerlandino Messina durante la latitanza avrebbe telefonato al pentito Pasquale Salemi. Cosa si sono detti il numero due della mafia agrigentina e il primo storico collaboratore di giustizia non è stato mai accertato. La circostanza è emersa durante un’udienza del processo a carico di Messina, accusato di associazione mafiosa per il periodo compreso fra l’ultima condanna e la cattura avvenuta il 23 ottobre del 2010. Nell’ultima udienza è statao ascoltato il tenente Colonello Salvatore Leotta, che ha coordinato le indagini che portarono alla cattura del latitante. “In uno dei pizzini trovati nel covo di Favara ha detto l’ufficiale, c’erano scritti tre numeri di telefono. Due non erano esistenti, il terzo risultava in uso  a Pasquale Salemi”. Si torna in aula il 21 maggio.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.