MAFIA – Assunto in Regione, teste non può tornare in Sicilia

Aveva 26 attività commerciali e due fratelli. Ma oggi Angelo, 51 anni, 4 figli, testimone di giustizia da 15 anni, si ritrova a non avere più nè le attività che ha dovuto chiudere, nè i due fratelli, uccisi dalla mafia nel ’99 e nel 2000, quando avevano 48 e 42 anni. Una storia dolorosa ma non isolata quella di Angelo, siciliano di un paese dell’agrigentino. Angelo è nel gruppo dei 13 testimoni di giustizia che la Regione ha assunto nei giorni scorsi, ma in Sicilia non può rimettere piede per motivi di sicurezza.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.