MAFIA – Condannati boss Dimino e assistente parlamentare Nicosia

Condanne definitive per i due principali imputati dell’inchiesta antimafia “Passepartout”, che ha fatto luce sulla cosca mafiosa di Sciacca e sui rapporti con la politica e le famiglie mafiose americane. In Cassazione, accogliendo parte delle richieste dei difensori, gli avvocati Salvatore Pennica e Rosanna Vella, vi sono state pure delle riduzioni di pena. Accursio Dimino, ritenuto il nuovo capo della famiglia di Sciacca, è stato condannato a 17 anni di reclusione (18 anni e 8 mesi in appello); l’ex assistente parlamentare Antonello Nicosia, di Agrigento, è stato condannato a 13 anni (15 anni di reclusione). Entrambi sono stati riconosciuti colpevoli di associazione mafiosa. La figura principale dell’inchiesta è Antonello Nicosia. Pedagogista, esponente dei Radicali Italiani, noto per le sue battaglie in favore dei diritti dei detenuti, Nicosia era considerato un insospettabile anche se aveva scontato una condanna a 10 anni per traffico di droga. Le indagini lo descrissero invece come “pienamente inserito in Cosa nostra”.

Parlava come un uomo d’onore, avrebbe progettato insieme a Dimino, danneggiamenti, estorsioni e omicidi. E, utilizzando il ruolo di collaboratore parlamentare di Giusy Occhionero, ex deputata di Leu, poi passata a Italia Viva, secondo l’accusa, incontrava boss detenuti, dava loro consigli, si accertava che non si pentissero e riferiva all’esterno i loro messaggi. Grazie al rapporto con la Occhionero, ad esempio, Nicosia ha incontrato boss detenuti al 41 bis come Filippo Guttadauro, cognato di Messina Denaro.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *