MAFIA E APPALTI – Sequestro da 25 milioni al vice presidente dell’Ance Funaro nel trapanese [VIDEO]

Il vicepresidente regionale dell’Ance Sicilia, Pietro Funaro, è stato colpito questa mattina da un sequestro di beni, in un’operazione antimafia condotta dalla polizia e dalla guardia di finanza. All’imprenditore trapanese, originario di Santa Ninfa, su disposizione della sezione misure di Prevenzione del Tribunale di Trapani, poliziotti e finanzieri stanno sequestrando beni per un valore di 25 milioni di euro. Si tratta di proprietà intestate anche al padre, Domenico Funaro. Proprietà e società con sede nel trapanese, a Campobello di Mazara, Santa Ninfa, Alcamo, Castellammare del Golfo, e nel catanese, a Santa Venerina. Il Tribunale di Trapani ha accolto la richiesta avanzata dal questore di Trapani, Carmine Esposito, a conclusione di indagini condotte dal gruppo composto da polizia e fiamme Gialle che nel tempo hanno condotto diverse inchieste sui possedimenti “in odor di mafia”.
Il sequestro riguarda 3 beni immobili, 38 beni mobili (autovetture, furgoni, mezzi meccanici), 11 imprese (capitali sociali e pertinenti complessi aziendali), 22 partecipazioni in altre società, tra le quali le quote sequestrate quelle possedute da Pietro Funaro all’interno della società editrice dell’emittente televisiva Telesud 3 di Trapani, e infine 82 tra conti correnti e rapporti bancari di altra natura, per un valore complessivo, stimato, di circa 25 milioni di euro.
Politica, mafia e appalti è il filone sul quale continuano le maggiori indagini antimafia nel trapanese. Il sequestro di beni contro Funaro, esponente di punta dell’Ance, il sindacato degli imprenditori edili di Confindustria, associazione della quale è stato di recente presidente provinciale a Trapani e da un anno vicepresidente regionale, conferma, a sentire gli investigatori e a leggere la pronuncia dei giudici che hanno disposto il sequestro preventivo delle aziende, la vocazione imprenditoriale di Cosa Nostra e il suo perdurante potere ben più esteso del territorio provinciale trapanese, distribuito, piuttosto, in gran parte del territorio regionale. Per mantenerlo, i boss avrebbero costituito una rete imprenditoriale per il condizionamento illecito della fase di aggiudicazione della gestione dei lavori e delle forniture concernenti la realizzazione di opere pubbliche appaltate. Nel tempo contro Domenico e Pietro Funaro, padre e figlio, magistrati e investigatori hanno raccolto diversi elementi indiziari, anche tratti da intercettazioni ambientali, non ultime poi le dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia.

Il nome di Funaro venne fuori anche nel contesto delle indagini sulla costruzione della galleria Scindo Passo di Favignana, i cui lavori, sin dall’inizio, risultarono condizionati da Cosa nostra.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.