MAFIA – E’ morto il boss Pippo Alleruzzo. Vietati i funerali in forma solenne

Lo storico boss mafioso Giuseppe Aleruzzo, esponente di spicco di Cosa nostra del Catanese, è morto nella sua abitazione di Paternò, dove – come ricostruisce l’agenzia Ansa – era agli arresti domiciliari dal 2012 dopo essere stato trovato in possesso di un arsenale e di 250 grammidi cocaina. Aveva 84 anni e da anni era gravemente malato. A capo dell’omonima ‘famiglia’ è stato uno dei pentiti storici dei clan catanesi: iniziò la sua collaborazione l’11 agosto del 1987, dopo avere visto il cadavere della moglie Lucia Anastasi, uccisa nell’ambito di una faida tra cosche rivali nel Catanese. Dieci giorni più tardi fu assassinato suo figlio Santo. Una sua figlia scomparve nel giugno del 1995 e il suo corpo fu ritrovato tre anni dopo in pozzo profondo oltre quaranta metri in contrada Stella. Il ‘pentimento’ di Alleruzzo non è stato esente da ripensamenti, con accuse ritrattate e poi riconfermate. Quando nel 2012 è stato posto agli arresti da carabinieri del comando provinciale di Catania, secondo l’accusa, stava per riorganizzare il suo clan.

La Questura di Catania, dopo l’informativa sul profilo criminale di Pippo Alleruzzo, ha vietato i funerali in forma solenne ed ha disposto il trasferimento della salma da casa direttamente al cimitero di Messina.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.