MAFIA – Il boss Messina condannato a 9 anni per le pistole trovate nel covo

I giudici della prima sezione penale hanno condannato a 9 anni e 6 mesi di reclusione il boss Gerlandino Messina, accusato di detenzione illegale di armi e munizioni e ricettazione con l’aggravante del favoreggiamento di Cosa Nostra. Le accuse a carico del boss ergastolano scaturiscono dalle pistole e dalle cartucce che gli furono trovate il giorno dell’arresto, il 23 ottobre del 2010. I carabinieri e il Gis, le “teste di cuoio dell’arma”, lo catturarono in una palazzina di via Stati Uniti, a Favara. In quello stabile abusivo c’erano due pistole e un centinaio di munizioni. Il pm della Dda Rita Fulantelli, questo pomeriggio, aveva chiesto la condanna a 15 anni. Il suo difensore, l’avvocato Salvatore Pennica, aveva replicato chiedendo l’assoluzione spiegando che “non c’era prova che le armi appartenessero a lui perchè la casa dove fu arrestato era frequentata anche da altre persone e, in ogni caso, il possesso delle pistole non dimostrava il favoreggiamento dell’associazione mafiosa”.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.