MAFIA – Totò Riina, confermato il carcere duro:”Ha un’elevatissima pericolosità sociale”

Totò Riina ha ancora una “elevatissima pericolosità sociale” e mantiene ancora la “capacità” di “mantenere i contatti con la cosca mafiosa di appartenenza”. Lo sottolinea la Cassazione nelle motivazioni, depositate oggi, della sentenza 19811 che ha confermato il carcere duro per l’ex capo di Cosa Nostra.

Così la Suprema Corte ha respinto il reclamo di Riina contro l’ordinanza del tribunale di sorveglianza di Roma, che il 18 aprile 2014 aveva convalidato il decreto del carcere duro emesso dal Guardasigilli il 26 novembre 2013. Il decreto prorogava l’applicazione del 41 bis. 

Per i supremi giudici la ratifica del decreto “dà conto, esponendo una copiosa serie di precisi riferimenti ai dati desumibili da tutti gli atti disponibili, della specifica valutazione circa la elevatissima pericolosità sociale del Riina e, con un ragionamento adeguato, perviene, in considerazione della mancanza di elementi significativi atti a denotare il venir meno della capacità del detenuto di mantenere i contatti con la cosca mafiosa di appartenenza, alla conclusione del carattere attuale di tale capacità e quindi della permanenza dei presupposti per l’applicazione” del ‘carcere duro.

Così il ricorso di Riina è stato dichiarato “inammissibile” con condanna a pagare mille euro alla Cassa delle Ammende.

 

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.