MAFIA – Via D’Amelio, a giudizio due boss

Il gup di Caltanissetta ha rinviato a giudizio per la strage di via d’Amelio, in cui morirono il giudice Borsellino e gli agenti della scorta, i capimafia palermitani Salvo Madonia e Vittorio Tutino.  

Con l’accusa di calunnia aggravata sono stati rinviati a giudizio, invece, i falsi pentiti Vincenzo Scarantino e Francesco Andriotta, autori di un clamoroso depistaggio che ha portato alla condanna, per l’eccidio, di 7 innocenti.

A giudizio, sempre per calunnia, anche l’ex pentito Calogero Pulci. Il processo comincerà il 22 marzo davanti alla Corte d’assise di Caltanissetta. Gli altri due imputati, il pentito Gaspare Spatuzza e Salvatore Candura, alla scorsa udienza, avevano chiesto il giudizio abbreviato.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.