MAZARA DEL VALLO – Beni sequestrati alla mafia: arrestato anche un commercialista

L’amministratore giudiziario, il figlio del capomafia e la moglie finiscono agli arresti.

È un’indagine delicata quella della Dda di Palermo che svela un nuovo caso di mala gestio dei beni sequestrati alla mafia. Il blitz della Direzione investigativa antimafia di Palermo e Trapani coinvolge Maurizio Lipani, professionista palermitano molto noto nel settore delle amministrazioni giudiziarie, Epifanio Agate e la moglie Rachele Francaviglia.

Questi ultimi due furono raggiunti l’anno scorso da un provvedimento di sequestro deciso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Trapani: le loro aziende sarebbe state finanziate con i soldi dell’ex capo mandamento di Trapani Mariano Agate.

Ora le indagini coordinate dal procuratore dei Palermo Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Paolo Guido e dai sostituti Gianluca De Leo e Francesca Dessì hanno fatto emergere che da una parte il professionista avrebbe fatto sparire del denaro, circa 350 mila euro, con dei prelievi in contanti nel corso della sua gestione giudiziaria, e dall’altra che Agate e la moglie avrebbero continuato a controllare le imprese invece di essere allontanati. Nel provvedimento eseguito dagli agenti della Dia guidati dal colonnello Rocco Lopane vengono contestati i reati di peculato e riciclaggio.

Condividi
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.