MENFI – 2.000 clienti truffati da un notaio

La guardia di finanza di Sciacca (Ag), su ordine del gip, ha eseguito un decreto di sequestro preventivo di conti correnti bancari e fondi di risparmio intestati al notaio Filippo Palermo di Menfi.

Secondo l’accusa il notaio ha truffato duemila clienti, dal 2012 al 2017, emettendo fatture con due voci: la prima inerente l’onorario professionale (sempre di basso importo) soggetta a tassazione, la seconda (esclusa dalla base imponibile) relativa agli importi, trattenuti a nome e per conto del cliente, delle imposte da versare all’Erario, tasse notarili ed eventuali ulteriori costi sostenuti.

Dagli accertamenti è emerso che la somma che il notaio si faceva consegnare dai clienti “per gli asseriti adempimenti fiscali era notevolmente superiore alle imposte (catastali, ipotecarie e di registro) che avrebbe dovuto versare al fisco”.

Pertanto – dice la Gdf – quello che all’apparenza sembrava un normale documento fiscale nascondeva, in realtà, un vero e proprio artifizio che permetteva, al professionista, di trattenere per sé la parte della somma versata dal cliente ma in realtà non dovuta. Il professionista, sottoposto a una verifica fiscale che, per il solo anno d’imposta 2012, avrebbe sottratto oltre 407.000 euro di base imponibile a tassazione e avrebbe evaso 290 mila euro di imposta. Per questo il notaio ha già corrisposto all’erario 304 mila euro.

La Finanza fa l’esempio del caso del sig. Rossi (nome di fantasia) che nel 2012 acquistava la sua prima casa per 112.000 euro, con l’accensione di un mutuo ipotecario. Rossi oltre a versare le imposte dovute e coprire i costi dell’onorario (2.162 euro) consegnava al notaio anche 4.870 euro che gli venivano indicati come necessari per versare le imposte (gonfiate) all’Erario ma che, in realtà, venivano incassati dal professionista. E’ emerso che dal 2012 al 2017 l’indagato ha percepito illecitamente 1,8 milioni di euro.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.