MESSINA – Altre lievi scosse: danni ad una chiesa e crepe sui muri delle case

Danni a Gioiosa Marea, dove in diverse case si sono formate crepe molto profonde, dovute alle ultime scosse sismiche di questa mattina e della scorsa notte. Nel comune tirrenico numerosi vacanzieri spaventati hanno lasciato anche anticipatamente alberghi e
resort in cui soggiornavano. La Protezione civile e i tecnici dell’amministrazione comunale di Naso hanno registrato stamani danni anche alla chiesa di San Cono. Intonaci e calcinacci si sono staccati dal soffitto dell’antica chiesa che già da tempo era interessata da infiltrazioni d’acqua che avevano indebolito alcune strutture realizzate in legno e canne.

La chiesa, risalente al XVI secolo, viene solitamente riaperta al culto ad agosto, proprio in
preparazione alla festa in onore di San Cono, il patrono del centro collinare. L’edificio di culto è stato chiuso per inagibilità e questo pomeriggio si procederà al trasferimento dell’effige di San Cono nella chiesa madre.

La scossa di terremoto di stamani è stata di magnitudo 2.4 ed è stata registrata nel Messinese alle 6.48 dall’Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia. Le località più vicine all’epicentro sono state, oltre Naso e Gioiosa Marea, quelle di Brolo, Ficarra, Librizzi, Montagnarerale, Patti, Piraino, Raccuja, Sant’Angelo di Brolo e Sinagra. In nottata nella stessa area sono state registrate altre due scosse, di minore entità: la prima alle 23:57 di magnitudo 2, la seconda alle 3:11 di 2.2. Il sisma più intenso è di ieri notte, con due scosse di magnitudo 4.2 e 4.1 che si sono verificate all’1.04 e all’1.06.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.