MEZZOJUSO – Nuovo danneggiamento in azienda sorelle Napoli

Hanno trovato ancora una volta le reti delle recinzioni tagliate e una mandria che ha invaso i loro terreni. Un nuovo danneggiamento è stato denunciato dalle sorelle Napoli di Mezzojuso, le proprietarie terriere minacciate dalla mafia della cui vicenda si è occupata più volte la trasmissione di Massimo Giletti “Non è l’Arena” su La7. Si tratta del terzo danneggiamento in tre mesi. In precedenza era già successo il 3 e 4 settembre, poi ancora il 15 novembre, l’ultimo episodio venerdì scorso. Una delle sorelle è arrivata in azienda e ha trovato alcune mucche nei terreni coltivati.
    Subito è scattata la segnalazione alla stazione dei carabinieri dei Mezzojuso che dipende dalla compagnia di Misilmeri. E’ stata presentata una nuova denuncia che arriverà sul tavolo della procura di Termini Imerese che coordinano le indagini. Al Tribunale è in corso un processo che vede imputati tre uomini per i raid avvenuti negli anni scorsi.(ANSA).

Condividi
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One thought on “MEZZOJUSO – Nuovo danneggiamento in azienda sorelle Napoli

  • 25 Novembre 2019 in 12:47
    Permalink

    Ma il bestiame è munito di auricolare identificativo, quindi è facile risalire al proprietario o ai proprietari, quindi accertare le responsabilità della mancata custodia e adottare i provvedimenti del caso compreso il loro sequestro.
    Mi auguro che i carabinieri abbiano agito in tal proposito.
    Poi che dire delle sorelle Napoli a cui va la mia più grande solidarietà.
    La Sicilia non avrebbe bisogno di “martiri” ma di donne e uomini liberi.
    La libertà a volte ha un costo molto alto ma come diceva Mussolini: è meglio vivere un giorno da leoni che cento da pecora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.