MILENA – OPERAZIONE JAMAICA, arrestato rivenditore di droga leggera [foto]

Una serra di marijuana nel bel mezzo della campagna di Milena. Un vivaio con centinaia di piantine coltivate con cura. Una vera e propria azienda agricola specializzata nella coltivazione della cannabis e dotata di tutte le necessarie attrezzature, come gli innaffiatoi a goccia e una postazione per l’essicazione. A scoprirla i carabinieri della Stazione di Milena e del Nucleo operativo di Mussomeli, i quali, al culmine delle indagini, hanno arrestato Maurizio Vitellaro, 35 anni, pregiudicato dalla doppia “professione”: di mattina lsu in servizio al Comune e di pomeriggio coltivatore e rivenditore di droga leggera. I militari, al termine dell’operazione denominata “Jamaica” , hanno sequestrato 7 chili di marijuana, stipati all’interno di una piccola serra realizzata a fianco la sua casa di campagna, non molto distante dal centro abitato. E gli uomini dell’Arma, nella vicina abitazione, hanno scoperto un vero e proprio laboratorio per la lavorazione e il confezionamento delle dosi: bilancino di precisione, coltelli, sacchetti, per capirci un vero e proprio “kit dello spacciatore”. Ed in più su un filo teso, al centro della stanza, hanno rinvenuto delle piante stese ad essiccare. Dalle indagini è emerso l’importante ruolo di Vitellaro nel fornire la zona di grosse quantità di stupefacente. I carabinieri, prima di stringere le manette ai polsi di Vitellaro, nelle scorse settimane hanno effettuato una discreta opera di monitoraggio della serra e del suo proprietario, accertando la “vendita al dettaglio” delle dosi a diversi acquirenti. Non è escluso perciò che all’arresto di Vitellaro possano seguire nuovi sviluppi magari con degli indagati. Insomma, l’inchiesta non si è di certo conclusa  con la cattura di Vitellaro, compiuta dagli uomini guidati dal comandante della Stazione, il maresciallo Vincenzo Butera, e del  Nucleo operativo della Compagnia di Mussomeli, diretti dal maresciallo Pompeo Chirico. Il lavoratore socialmente utile, con la passione per la cannabis, è stato rinchiuso nel carcere di Caltanissetta. Nelle prossime ore, assistito dall’avvocato Giuseppe Dacquì, incontrerà il giudice per l’interrogatorio di garanzia.


Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.