Minacce al Presidente della Regione Musumeci: la Solidarietà dei Sindaci di Racalmuto e Grotte

Un pacco, che conterrebbe un ordigno rudimentale, è stato fatto brillare dagli artificieri della polizia di Stato lungo i binari a Militello Val di Catania lungo la tratta Catania-Militello. Nella stessa zona gli investigatori hanno trovato un biglietto di minacce rivolto al presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci.

E’ la terza volta che nella zona ci sono ritrovamenti di biglietti di minacce contro il governatore e, in passato, anche contro il sindaco Giovanni Burtone, ex deputato nazionale del Pd.
    Sull’accaduto indaga la polizia coordinata dalla Procura di Caltagirone. Sul caso il prefetto di Catania, Maria Carmela Librizzi ha convocato per domani mattina il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza.

“Solidarietà al Presidente della Regione Sicilia on. Nello Musumeci per l’atto intimidatorio subito. Questo gesto rimanda indietro la Sicilia nel suo periodo più buio dal quale speravamo di esserci liberati”, dichiara il Sindaco di Racalmuto, Vincenzo Maniglia, a nome di tutta l’amministrazione comunale.

“Solidarietà del Comune di Grotte all’On. Musumeci. A nome dell’Amministrazione Comunale e della Città di Grotte esprimo solidarietà- afferma il Sindaco Alfonso Provvidenza- al Presidente della Regione Siciliana On. Nello Musumeci per il vile gesto subito.Condanniamo con fermezza ogni forma di violenza e di minaccia alle istituzioni democraticamente elette. Il clima di odio e di violenza dilagante che caratterizza il nostro tempo è anche il frutto delle continue ed inutili esternazioni di chi mira ad esasperare gli animi con il solo scopo di destabilizzare l’ordine sociale e politico della nostra democrazia.Continui a lavorare sig. Presidente”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.