NISCEMI – La rabbia dei No Muos contro Crocetta [FOTO]

Attivisti No Muos occupano dalla notte scorsa l’aula consiliare del Municipio di Niscemi, per protestare contro la decisione della Regione Siciliana di revocare i provvedimenti che bloccavano le autorizzazioni all’installazione dell’impianto radio dell’esercito statunitense in contrada Ulmo. 

La decisione è stata adottata dagli attivisti No Muos dopo un consiglio comunale durante il quale è stato chiesto dai manifestanti ai consiglieri e alla giunta di dimettersi in blocco in segno di protesta nei confronti dei governi nazionale e regionale. La proposta non è stata accolta.

Una delegazione di ‘Mamme No Muos’ e del consiglio comunale, quest’ultima guidata dal sindaco Francesco La Rosa, si è recata a Palermo, per un concentramento davanti alla sede del Consiglio di giustizia amministrativa dove per oggi era attesa la pronuncia sul ricorso presentato dalla Regione siciliana per lo stop ai lavori. Al presidio ci sono manifesti e striscioni con scritto “Vergogna Crocetta” e “Regione Usa Mafia”, “Crocetta vattene”.

“Siamo delusi e sdegnati dalla decisione di Crocetta, ha tradito noi e i nostri figli – dice Laura Militello – che potrebbero subire effetti devastanti per la salute a causa delle emissioni elettromagnetiche della 46 antenne del Muos. Ci sentiamo soli, il governo ci ha abbandonati”.

In una nota, il movimento No Muos lancia un “appello ai territori, alle associazioni e a tutti i cittadini perché esprimano la loro opposizione nei confronti di una scelta che non condivide e contesta fermamente: la ripresa dei lavori per l’installazione del Muos all’interno della sughereta di Contrada Ulmo  a Niscemi”. Secondo il governatore la mancata revoca allo stop avrebbe portato a una maxi penale di 18 miliardi di dollari, pari al costo dell’ impianto, da pagare agli Usa.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.