MUSSOMELI – Neonato morto in ospedale dopo cesareo tardivo, condannati due medici per omicidio colposo

Si è conclusa con la condanna di entrambi gli imputati, due medici in servizio all’ospedale Immacolata Longo di Mussomeli (Cl), il processo per la morte di un neonato avvenuta tra il 9 e il 10 settembre 2011. Otto mesi di reclusione (con il beneficio della sospensione condizionale della pena, più il risarcimento danni ai genitori da quantificare in sede civile) sono stati inflitti a Provvidenza Castronovo e a Giovanni Sorce, dirigente e medico del reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Mussomeli, accusati di omicidio colposo. Secondo il giudice monocratico di Caltanissetta, la morte del neonato sarebbe stata causata dal tardivo taglio cesareo praticato alla puerpera.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.