NARO – Commemorato il maresciallo Vaccaro, morto nella strage di Ciaculli

Lo Stato ha commemorato a Naro  il maresciallo  Calogero Vaccaro, scomparso tragicamente nella strage dell’autobomba di Ciaculli del 30 giugno 1963.

Erano i tempi in cui la mafia  passava dalla lupara al tritolo e nell’evento persero la vita anche il tenente Mauro Malausa, il maresciallo artigliere Pasquale Nuccio, il soldato artificiere Giorgio Ciacci, il maresciallo di polizia Silvio Corrao, i carabinieri Marino Fardella ed Eugenio Altomare.

Maresciallo Capo della Stazione dei Carabinieri di Roccella, Calogero Vaccaro ha ricevuto il 31 ottobre 1963 un encomio solenne alla memoria che così lo ricordava: “ Comandante di Stazione, partecipava in ambiente particolarmente difficile per senso di omertà, a complesse indagini per la identificazione ed arresto degli autori responsabili di omicidi ed atti intimidatori. In seguito all’improvvisa esplosione di un ordigno posto da malfattori all’interno di un’autovettura, cadeva vittima del dovere unitamente ad altri militari”.

Oggi, in occasione del 51mo anniversario della morte, egli è stato ricordato, prima con la deposizione di una corona di fiori sulla sua tomba nel cimitero di Naro e, dopo, con una messa in suffragio svoltasi nella chiesa di san Francesco, con la presenza del Prefetto Nicola Diomede, del Comandante Provinciale dei Carabinieri  Riccardo Sciuto, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza  Massimo Sobrà   ,del Capitano dei Carabinieri Nicolò Pisciotta, del  Comandante la Stazione dei Carabinieri Gianfranco Antonucci, del Vice Comandante la Stazione dei Carabinieri Gaetano Pallavanti, del Vice Comandante della Polizia Municipale Lillo Piraino. Presenti, ovviamente, anche il Sindaco Calogero Cremona, gli Assessori Comunali Lidia Mirabile, Sara Incardona, Fabio Schembri e Salvatore Novella, il Presidente del Consiglio Comunale Calogero Ferraro e altre Autorità Civili e Militari, oltre che la vedova , il figlio e i nipoti del maresciallo Vaccaro.

 

 

DICHIARAZIONE DEL SINDACO:

“ Da alcuni  anni a questa parte ci sono state varie iniziative per mantenere viva la memoria del nostro compaesano Calogero Vaccaro, maresciallo dei carabinieri scomparso tragicamente nella strage dell’autobomba di Ciaculli.

Ad opera dell’allora Sindaco on. Maria Grazia Brandara è stata  collocata una lapide alla  memoria del maresciallo narese nell’area della caserma dei carabinieri di Naro.

Inoltre, stiamo dedicando al Maresciallo Vaccaro il campo di calcetto, finanziato coi fondi pon sicurezza, che sorgerà nella zona delle case popolari di contrada Messer Rinaldo. Ma il nostro auspicio migliore è che si creino i presupposti per fare avere a Calogero vaccaro la medaglia d’oro alla memoria e l’intitolazione della Caserma dei Carabinieri di Naro.

Anche la cerimonia di oggi si pone in questo percorso di valorizzazione della figura del maresciallo narese, morto da eroe, il cui sacrifico serve  a far ricordare sempre, specialmente alle nuove generazioni della nostra città, che  la mafia è un male assoluto, contro cui  non occorre mai abbassare la guardia ” .


 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.