NISCEMI – Beni sequestrati a dentista ritenuto vicino a Cosa Nostra

Ammonta a cinque milioni il valore dei beni sequestrati da polizia e guardia di finanza ad un medico odontoiatra di Niscemi, Giuseppe Amedeo Arcerito, 64 anni, ritenuto affiliato a Cosa nostra. Il provvedimento, emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Caltanissetta, riguarda 51 immobili, tra fabbricati (2), terreni (15) e capannoni industriali (34), tre mezzi agricoli e un’automobile.

Secondo la magistratura inquirente, il valore dei beni a disposizione di Arcerito (intestati anche alla sorella Rosaria e al cognato Calogero La Rosa) risulterebbe sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati dallo stesso medico, che è stato già indagato e sottoposto a misure restrittive nelle inchieste antimafia «Ricostruzione (2001) e «Parabellum» (2011).
Con l’accusa di associazione mafiosa, nel 2003 è stato condannato a tre anni (sentenza passata in giudicato) perché ritenuto ai vertici locali di Cosa nostra. Attualmente risulta sottoposto all’obbligo di dimora e di firma a Niscemi. Nei suoi confronti gli inquirenti hanno proposto la sorveglianza speciale. 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.