Omaggio floreale alla stele del Beato Giudice Livatino ucciso 32 anni fa dalla Mafia

Si è tenuta questa mattina la cerimonia di commemorazione del beato giudice Rosario Livatino in occasione trentaduesimo anniversario dell’assassinio avvenuto lungo la statale 640.

Le autorità si sono radunate attorno alla stele, che ricorda il sacrificio del magistrato canicattinese, che nel mese di maggio dell’anno scorso è stato riconosciuto anche dalla Chiesa, che lo ha proclamato beato. Presenti tutti i vertici del Tribunale e Procura di Agrigento, e delle forze dell’ordine.

E’ stata letta una preghiera da don Giuseppe Livatino, che del processo di beatificazione è stato il primo postulatore. “Speriamo di non fermarci al ricordo – ha detto il sacerdote -, dobbiamo andare oltre, di andare alla memoria, alla raccolta delle testimonianze, è questo che salverà la Sicilia”.

Numerose le manifestazioni in questi giorni per commemorare Livatino e Antonino Saetta, il magistrato, anche lui di Canicatti’, ucciso il 25 settembre del 1988 sempre lungo la Statale 640, in territorio di Caltanissetta.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.