Operaio morto in un cantiere sul viadotto: aperte due incheiste

E’ stato il distacco della passerella del ponteggio mobile durante le fasi di montaggio, con il conseguente crollo della stessa, a provocare la morte di un operaio di Villabate  e il ferimento grave di un collega di Caccamo, presso il cantiere della A19, Palermo-Catania. Sono in corso le inchieste della procura di Enna e di Anas. 

I carabinieri stanno indagando  sulla dinamica del grave incidente: secondo una prima ricostruzione il ponteggio che viene usato per risalire i piloni del cavalcavia, si sarebbe staccato facendo precipitare nel vuoto i due operai sotto il viadotto Mulini, in direzione Catania.  Quando il medico rianimatore del 118 e gli altri soccorritori della centrale operativa di Caltanissetta sono arrivati i due operai si trovavano ai piedi del cavalcavia. Uno ormai senza vita, l’altro gravemente ferito.

I lavori erano finalizzati alla manutenzione straordinaria delle pile della carreggiata in direzione Catania del viadotto Mulini.Sono in fase di accertamento le cause del cedimento della passerella precipitata al suolo. Lo riferisce Anas che esprime «profondo cordoglio per l’accaduto» e informa di avere già avviato le procedure previste al fine di chiarire le motivazioni dell’accaduto.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.