Operazione “Stella Cadente”: indagati 9 agrigentini

L’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Brescia denominata “Leonessa” ha acceso più di una luce sull’operatività di un gruppo criminale di origine stiddara che, basandosi su una struttura verticistica comandata da un triunvirato di “picciotti” stanziatisi al nord, è riuscita a creare un meccanismo fraudolento finalizzato a piazzare crediti fiscali fittizi presso imprenditori disposti a beneficiare di tali crediti ponendoli in compensazione con propri debiti fiscali e previdenziali. 

Nel corso dell’operazione Leonessa sono stati arrestati tre agrigentini: si tratta di Salvatore Sambito, 39 anni di Agrigento finito in carcere, la cui posizione è sicuramente quella più “complicata” in quanto accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso e di indebita compensazione con l’aggravante di aver favorito il gruppo di stampo mafioso. Sambito, intermediario abilitato al canale telematico Entrate dell’Agenzia delle Entrate, sarebbe stato uno dei “professionisti” a disposizione del clan; i fratelli originari di Sciacca Giuseppe Carlino, 46 anni, amministratore della Edil Progresso srl, e Filippo Carlino, 42 anni, mediatore nonché rappresentate della Gsa srl. I due si trovano attualmente ai domiciliari.

Oltre le tre misure cautelari che hanno “colpito” i suddetti agrigentini troviamo, tra la lunghissima lista degli indagati, altri sei agrigentini a cui viene contestato il reato di compensazione indebita aggravata: si tratta di Rosario Barragato, inteso “Gioacchino”, 47 anni di Palma di Montechiaro; Rosario Bellanti, 49 anni di Palma di Montechiaro; Gaspare Calafato, 45 anni di Palma di Montechiaro, fratello dei sicari della Stidda palmese, divenuti poi cololaboratori di giustizia; Assuntina Capizzi, deceduta lo scorso anno a 81 anni; Ilenia Castellino, 30 anni, residente ad Agrigento responsabile del Centro Odontostomatologico Castellino srlSalvatore Genova, 39 anni, originario di Palermo ma residente a Palma di Montechiaro. 
FONTE: GRANDANGOLO AGRIGENTO

Condividi
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.