PALERMO – Chiesta condanna cognato ex procuratore Messineo

La Procura di Palermo ha chiesto 7 anni di reclusione a carico di Sergio Maria Sacco e 5 anni per Salvatore Catalano, entrambi imprenditori. I due sono imputati di essere parte di un’associazione per delinquere che avrebbe ricettato e riciclato mezzi agricoli. Sacco, che è cognato dell’ex procuratore Francesco Messineo, oggi in pensione, è ritenuto dall’accusa “capo e promotore” dell’organizzazione. Sergio Sacco, difeso dall’avvocato Giuseppe Oddo, ha sempre respinto le accuse, ma la Procura di Palermo è convinta che abbia intrattenuto rapporti illeciti con alcuni affiliati al clan di Leonardo Vitale, figlio di Vito, boss di Partinico, organizzatore di una serie di furti di trattori e altri mezzi meccanici. Sergio Sacco è titolare della Saccoplast, e Salvatore Catalano della Moviter. Gli autori dei furti sono stati condannati in altri processi.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.