PALERMO- Droga, sgominata rete di trafficanti tra la Sicilia e il Sud America: 15 arresti [VIDEO]

La droga partiva dal Perù, attraversava porti e aeroporti grazie a insospettabili corrieri e a sistemi di trasporto capaci di eludere anche i controlli più sofisticati, e alla fine sbarcava in Sicilia. Destinazione “Palermo bene”. E col bene placito dei boss. Dopo una lunga indagine – correlata di arresti in flagranza e di sequestri – la polizia di Palermo ha smantellato una rete di spaccio capace di piazzare qualsiasi tipo di sostanza nel mercato cittadino e di importare anche grossi quantitativi di cocaina da Sud America. Sono 15 le persone individuate finora e alle quali, da questa notte, gli agenti della sezione Antidroga della Squadra mobile – conl’ausilio di unità cinofile e di un elicottero – stanno notificando un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari su richiesta della direzione distrettuale antimafia di Palermo.
Le accuse, per tutti, vanno dall’importazione in Italia al traffico e alla detenzione di sostanze stupefacenti. L’organizzazione, è stato accertato dagli investigatori, era capace di soddisfare qualsiasi richiesta e in particolare cocaina, eroina e hashish.
Alla regia, secondo l’accusa, c’era l’avvocato palermitano Memi Salvo, ritenuto vicino ai boss di Brancaccio Giuseppe e Filippo Graviano e già condannato a 4 anni e otto mesi per mafia. Nel 2008, dopo avere presentato pubbliche scuse, Salvo riuscì ad iscriversi nuovamente all’ordine degli avvocati (quello di Locri) e riprese la professione. Era accusato di aver aiutato sorella dei Graviano di trasferire capitali all’estero.
L’operazione, denominata “Monòpoli”, ha consentito di ricostruire una fitta rete di spacciatori e corrieri composta sia da volti noti ma anche da insospettabili. Tra i destinatari del provvedimento, ci sono infatti pregiudicati per droga, recidivi con precedenti specifici e una serie di insospettabili corrieri scelti spesso proprio per la loro fedina penale immacolata. Che per l’organizzazione rappresentava una sorta di garanzia in più nel caso di controlli mirati. L’indagine, che gli uomini diretti dal vice questore aggiunto Stefano Sorrentino hanno condotto con il coordinamento del procuratore aggiunto Teresa Principato, oltre a disarticolare l’interoorganigramma, ha portato al sequestro di ingenti quantitativi di droga e ha evidenziato ancora una volta come sia forte, soprattutto negli ultimi anni, l’interessamento di Cosa nostra. Alcuni dei soggetti arrestati, i cui nomi saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa, in programma alle 11 nei locali della Questura, sono infatti legati alla criminalità organizzata e oltre ad avere contatti solidi con il Sud America e con importanti bande di narcotrafficanti, gestivano anche la fornitura di cocaina di altissima qualità destinata alla cosiddetta “Palermo bene”. Coinvolti anche tre albanesi.

ECCO I NOMI DEGLI ARRESTATI –

Fabio Costantino, classe 1977, di Vibo Valentia

Giuseppe Costantino, classe 1966, di Vibo
Andrea Di Fede, 39 anni, di Palermo
Dritan Dulemato, classe 1977, albanese
Claudio Fiorelli, di Roma
Francesco Fumuso, 46 anni, di Palermo
Fatjan Karasan, 24 anni, albanese
Pasquale Lo Nardo, 56 anni, di Palermo
Christian Mancino, 29 anni, di Palermo
Domenico Marino, 41 anni, di Palermo
Aldo Monopoli, 56 anni, di Palermo
Antonino Riina, 42 anni, di Palermo
Luan Rushiti, 45 anni, albanese
Domenico detto Memi Salvo, 66 anni, di Palermo
Domenico Uzzo, 35 anni di Palermo


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.