PALERMO – Duplice omicidio a Falsomiele: ucciso il genero del boss Giovanni Bontade

Due uomini sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco a Falsomiele. Sul posto le volanti della polizia. Secondo una prima ricostruzione degli uomini della Squadra mobile che sta seguendo le indagini, i due erano a bordo di una Fiat Cinquecento , quando sono stati avvicinati. A quel punto sono scesi dall’auto e hanno cercato di fuggire. Uno dei due è stato colpito al torace e alla nuca, l’altro al torace e al volto.

La sparatoria è avvenuta all’altezza del civico 117 di via Falsomiele. Uno dei due uomini uccisi è Vincenzo Bontà, genero del boss Giovanni Bontade, ucciso anche lui in un agguato il 28 settembre del 1988 insieme alla moglie Francesca Citarda. L’identificazione della vittima da parte degli investigatori e i suoi legami familiari confermerebbero l’ipotesi di un delitto di stampo mafioso. L’altra vittima è Giuseppe Vela, 53 anni.

 Per gli inquirenti – le indagini sono condotte dalla polizia e coordinate dalla Dda – dietro l’agguato ci sarebbe la mano dei clan: una valutazione che si deduce, tra l’altro, anche dalle modalità del delitto.

Una delle vittime sarebbe stata “giustiziata” con un colpo di pistola alla nuca. L’agguato è avvenuto in una stradiana stratta vicino alla centrale dell’Enel, un luogo che non consentiva alle vittime una via di fuga.  Oltre al capo della Mobile Ruperti, sul posto il procuratore aggiunto Leonardo Agueci.

Il duplice omicidio di stamattina ha fatto tornare alla mente le sparatorie avvenute qualche mese fa nello stesso quartiere.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.