PALERMO – “Metalli riciclati e false fatture” :2 arresti e oltre 140 indagati[VIDEO]

Due persone arrestate, altre tredici raggiunge da misure interdittive, obbligo di dimora e obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, 146 indagati in tutto.

È una maxi inchiesta sullo smaltimento illecito dei rifiuti quella dei finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria e del Nucleo speciale di polizia valutaria. La Procura di Palermo, l’indagine è coordinata dal procuratore aggiunto Sergio Demontis e dal sostituto Andrea Fusco, contesta agli indagati i reati di traffico illecito di rifiuti, emissione di fatture false e occultamento di documentazione contabile.

L’indagine è partita dalla segnalazione di una sfilza di operazione bancaria sospette. L’allarme antiriciclaggio ha funzionato. Gli accertamenti fiscali sono stati incrociati con il contenuto delle intercettazioni telefoniche.

Il meccanismo per smaltire i rifiuti metallici al di fuori del circuito legale era piuttosto complesso. Un ruolo sovraordinato avrebbero avuto le due persone finite ai domiciliari: Baldassare e Vincenzo Marino, di 67 e 65 anni, originari di Carini.

In particolare è emerso che titolari di ditte individuali – evasori fiscali totali e privi di autorizzazione ambientale – hanno movimentato, nel periodo dal 2014 al 2017, solo cartolarmente metalli 3,5 milioni di euro, in realtà non corrispondente a effettivi conferimenti.

La principale funzione delle ditte era quella di creare fatture false da consegnare a 6 società specializzate nella raccolta e nel trattamento dei rifiuti, con sede a Palermo, Carini e Capaci, che a loro volta avevano la necessità di acquistare il materiale a prezzi stracciati nei canali non ufficiali di raccolta per poi rivenderlo a prezzo di mercato.

I “cenciaioli” raccoglievano i metalli per strada. Facevano il lavoro sporco, recuperando rame, ferro, ottone, alluminio anche nella spazzatura e lo consegnavano alle piccole imprese, le quali emettevano fatture gonfiate e non dichiarate al fisco. Poi giravano il materiale al livello superiore dell’organizzazione che pagava con bonifici e assegni bancari i cenciaioli che, ed è l’ultimo passaggio della catena, prelevavano in contanti le somme e le restituivano, trattenendo per sé solo un piccolo compenso.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.