PALERMO – Precari e pubblico impiego in corteo [VIDEO]

Manifestazione unitaria, oggi, a Palermo, a sostegno dei lavoratori precari degli Enti locali e del personale delle ex Province. L’iniziativa e’ promossa dall’AnciSicilia e dai sindacati.

Amministratori e lavoratori si sono dati appuntamento a Piazza Marina, da dove e’ partito un corteo che, con in testa i gonfaloni dei comuni e i sindaci con le fasce tricolore, arrivera’ in piazza Indipendenza, davanti alla Presidenza della Regione siciliana.

Sul palco, allestito in prossimità di palazzo d’Orleans, hanno preso la parola sindaci e rappresentanti sindacali.

“Chiediamo – ha esordito il presidente dell’AnciSicilia, Leoluca Orlando- che venga riconosciuta piena dignità a tutti i precari siciliani.Non esistono lavoratori di serie A e lavoratori di serie B. In base anche a un protocollo d’intesa firmato lo scorso anno tra AnciSicilia e sindacati, abbiamo chiesto un intervento concreto e risolutivo al governo nazionale e regionale ma la risposta non è mai arrivata. Siamo stanchi di questo scontro inutile tra i capponi di Renzi: Faraone e Crocetta continuano a litigare e a pagare il conto, come al solito, sono i cittadini e i precari. Chiediamo, dunque, impegni finanziari certi per garantire rapporti a tempo indeterminato per tutti i precari storici degli enti pubblici siciliani”.

“Al governo nazionale – ha concluso Orlando- chiediamo un incontro, siamo stanchi di essere presi in giro. Al ministro dell’Interno chiediamo l’attenzione che merita una situazione che si trascina da troppo tempo è che non assicura serenità a troppe famiglie siciliane. Se non avremo riposte la nostra protesta si sposterà davanti a Palazzo Chigi”.

Dopo gli interventi dei rappresentanti sindacali, che hanno ringraziato gli oltre diecimila partecipanti e l’AnciSicilia per avere organizzato una manifestazione unitaria, ha preso la parola Mario Emanuele Alvano, segretario generale dell’Associazione dei comuni siciliani.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.