PALERMO – Sequestrato 1 milione di euro ad un imprenditore contiguo alla famiglia mafiosa di Villabate [VIDEO]

Ville, terreni, un’impresa che vendeva frutta, verdura, cibo e bibite, macchine agricole e soldi. Una piccola fortuna. Non tanto piccola, visto che è stata valutata circa un milione di euro. Una fortuna, ora sequestrata, che apparteneva, secondo il personale della sezione patrimoniale dell’ufficio misure di prevenzione della polizia, a un pregiudicato palermitano, Francesco Antonino Fumuso, 49 anni, ritenuto dalle autorità vicino alla famiglia mafiosa di Villabate.

Su proposta avanzata dal questore di Palermo Guido Longo, il tribunale di Palermo  , ha emesso il decreto con cui ha disposto, nei confronti di Fumuso, il sequestro di beni per circa un milione di euro. L’uomo è un soggetto ritenuto  dalle autorità particolarmente pericoloso e con una costante propensione a commettere delitti: annovera infatti numerosissimi precedenti penali, legati soprattutto alla gestione di imponenti traffici di sostanze stupefacenti, come cocaina e hashish, finalizzati ad alimentare i mercati dello spaccio in particolar modo di Villabate e Misilmeri,  e che fanno dello stesso un leader indiscusso nel settore del narcotraffico, ed è stato più volte processato e condannato con l’accusa di ricettazione e traffico di internazionale di auto rubate, favoreggiamento, bancarotta fraudolenta aggravata.

Fumuso già  in passato era stato indiziato di essere “uomo d’onore” della famiglia mafiosa di Villabate.

Le indagini patrimoniali esperite da personale dell’ufficio misure di prevenzione della Questura di Palermo sul quarantanovenne e sul suo nucleo familiare hanno permesso di certificare redditi definiti “modesti” rispetto agli acquisti ed investimenti effettuati da Fumuso e dai suoi familiari, intestatari , meramente formali, di beni. Sotto la lente d’ingrandimento anche la compravendita di numerosi beni mobili ed immobili e la costruzione di una lussuosa villa, oltre all’attività di vendita di prodotti ortofrutticoli, alimentari e bibite.

 

 

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.