PALERMO – Tangenti, aumentata in appello a 7 anni la condanna per l’ex sindaco di Lampedusa De Rubeis

E’ stata aumentata, in appello, la condanna all’ex sindaco di Lampedusa, Bernardino De Rubeis, accusato di induzione indebita a dare o promettere utilità. L’ex primo cittadino è passato da 5 anni e 3 mesi a 7 anni e 3 mesi di reclusione. La prima sezione della corte d’appello di Palermo ha quindi accolto le richieste del sostituto procuratore generale, Luigi Patronaggio, che ha contestato a De Rubeis anche uno degli episodi di richiesta di tangenti per cui era stato assolto dal tribunale di Agrigento.

Condannato a un anno l’ex capo dell’ufficio tecnico Alfonso Averna (pena sospesa). Assolto l’ex direttore generale del Comune di Lampedusa, Salvatore Caffo. Secondo l’accusa, De Rubeis avrebbe costretto alcuni imprenditori a sborsare delle mazzette in cambio della riscossione di alcuni crediti che le vittime vantavano nei confronti del Municipio e di una licenza edilizia per la realizzazione di un complesso turistico. Furono gli imprenditori a denunciare le pressioni.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.