PALERMO – Trattativa Stato-mafia, intimidazione a pm.

Lo scorso giovedì, mentre Roberto Tartaglia, uno dei pubblici ministeri dell’indagine sulla trattativa Stato-mafia, era nell’aula bunker dell’Ucciardone per l’udienza del processo, qualcuno ha forzato la serratura ed è entrato nell’appartamento del magistrato, senza portare via nulla. Tartaglia, al suo rientro, ha trovato su un mobile dell’ingresso alcuni oggetti che prima erano altrove. «È in atto una inquietante strategia di intimidazione. I messaggi intimidatori rivolti prima a Nino Di Matteo, poi a Francesco del Bene e ora a Roberto Tartaglia ci dicono che Cosa nostra ha alzato il tiro.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.