PALMA DI MONTECHIARO – Chiesta una condanna per l’omicidio Amato

Secondo il Gup di Agrigento, Ottavio Mosti, davanti al quale è stato celebrato il processo di primo grado con rito abbreviato, sarebbe stato Raimondo Bonfanti, 28 anni , di Palma a commettere materialmente l’omicidio del palmnese Nicolò Amato. Il Procuratore generale Messina ha auspicato la conferma della sentenza di primo grado a 18 anni di reclusione. L’agguato, che sarebbe stato deciso per vendicare alcuni contrasti di natura economica, è scattato il 22 aprile del 2011. Il processo riprenderà il 29 aprile con l’arringa dell’avvocato Salvatore Russello, difensore di parte civile che assiste i familiari delle due vittime.

 

 

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.