PALMA DI MONTECHIARO – 25enne condannato per avere picchiato la moglie e segregata in casa

Avrebbe aggredito, insultato e segregato in casa la giovane moglie, peraltro in gravidanza, per gelosia. I giudici della prima sezione penale del tribunale di Agrigento, presieduta da Alfonso Malato, hanno condannato a tre anni e sei mesi un venticinquenne di Palma di Montechiaro per i reati di sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia.L’imputato, che è stato difeso dall’avvocato Santo Lucia, dovrà pure risarcire con 15mila euro la ragazza che si era costituita parte civile con l’assistenza dell’avvocato Gianluca Sprio. “Non sai fare la donna di casa, tu sei donna e devi solo stare a casa a pulire e cucinare” le avrebbe detto per rimproverarla del fatto che, a suo dire, non era abbastanza efficiente nei lavori domestici.Nel mese di febbraio del 2021, dopo avere fatto il test di gravidanza, l’avrebbe picchiata per costringerla a non raccontare a nessuno che era incinta. E poi, ancora, l’avrebbe minacciata e terrorizzata, anche mandandole dei messaggi WhatsApp, di farle togliere la bambina.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *